cover falcemartello fratellanzaPer molti l'appartenenza al PCI ha significato l'entrata in una grande famiglia e come in molte vicende familiari, la storia del partito è anche una storia di lotte interne, di scontri e di separazioni. Del resto proprio da una scissione il PCI vede la luce, come costola che si separa dal PSI, a Livorno, nel 1921.
 
Per molti fu la guerra mondiale a rompere le incertezze e motivare l'entrata nel partito. Durante la Resistenza il PCI diviene per molti lo strumento più efficace per combattere l'occupazione tedesca. 
Miriam Mafai afferma che si trattava di una scelta che aveva, in quegli anni, anche un valore patriottico, oltre al fatto che rispondeva ad un ideale di giustizia sociale. Il PCI, puntando l'attenzione verso le classi subalterne si adoperava per combattere le vistose disuguaglianze economiche.

L'Internazionale Comunista comunica al mondo la morte di Antonio Gramsci

L'Internazionale Comunista così ne darà la comunicazione ai comunisti di tutto il mondo:
"Un nuovo anello si aggiunge alla catena dei delitti del fascismo contro la classe operaia, contro le masse lavoratrici, contro l'umanità. Il 27 aprile è morto a Roma, tra le mani dei carnefici fascisti, il compagno Antonio Gramsci, Capo della classe operaia e del Partito Comunista d'Italia.
Il compagno Gramsci, arrestato dai fascisti nell'ottobre 1926, è rimasto più di dieci anni in carcere.
La sua pena era spirata il 21 aprile 1937.
Egli è morto in carcere, malgrado fosse spirata la sua pena; egli è morto nel momento in cui la sua famiglia, i suoi compagni, tutti gli operai d'Italia potevano sperare che una volta in libertà egli avrebbe avuto la possibilità di ristabilire la sua salute distrutta da dieci anni di carcere. Gramsci è stato ucciso dal fascismo.
Egli è morto sotto le torture del fascismo italiano, che ha ucciso Matteotti e centinaia dei migliori figli della classe operaia d'Italia.
Egli è stato ucciso dai carnefici fascisti, che hanno annientato la libertà del popolo italiano e che ora tengono sospesa sui popoli del mondo intero la minaccia di una guerra sanguinosa.

Continua a leggere

 
DOVE SIAMO
 
via Emilio Gola 20, 20143
Milano MI
 
 
CONTATTI

T +39 02 36510118
F +39 02 6888069
@ Segreteria

 
 
APERTURA
 
Lun-Ven
10-12:30 am
14-16:30 pm
Sab-Dom chiuso
 
La Fondazione Elio Quercioli non ha scopo di lucro ed è attiva nel territorio della Regione Lombardia.
È iscritta al Registro Regionale Persone Giuridiche al n. 2363
logoquercianoline